Attestato di rischio? Basta carta, dal 1 luglio è elettronico

Si parla da mesi della dematerializzazione dell’attestato di rischio, e fra poco il processo sarà finalmente ultimato: il regolamento IVASS numero 9 del 19 maggio 2015 segna la fine dell’attestato di rischio cartaceo e dà una svolta alla procedura di stipula delle polizze RC auto.

Per le polizze in scadenza dal 1 luglio 2015 l’attestato di rischio sarà elettronico, e non ci sarà più bisogno di consegnarne la copia cartacea all’intermediario per la stipula di una nuova polizza.

Attestato di rischio elettronico

L’attestato di rischio, infatti, sarà reperito direttamente da una banca dati aggiornata dalle compagnie di assicurazione.

Se l’attestato di rischio non dovesse essere presente nella banca dati per qualsiasi motivo, o dovesse essere accessibile soltanto in parte, l’intermediario chiederà al contraente una specifica dichiarazione supportata da documentazione probatoria (precedenti contratti o attestati di rischio). Una volta stipulata l’assicurazione, poi, la compagnia verificherà tempestivamente la correttezza delle dichiarazione, procedendo, dove necessario, alla riclassificazione del contratto.

Le imprese non saranno più tenute ad inviare per posta l’attestato di rischio: sarà reperibile nell’area privata del sito della compagnia, alla quale si potrà accedere in ogni momento con il proprio username e la propria password.

Un secondo step, in futuro, prevederà il passaggio dall’attestato di rischio statico all’attestato di rischio dinamico, aggiornato dalle compagnie in tempo reale, e non soltanto, come avviene oggi, al termine di ogni periodo di osservazione (dal momento della stipula del contratto a 60 giorni prima della scadenza).

Con la novità dell’attestato di rischio elettronico senza dubbio si snellirà il processo di assunzione delle polizze RC auto, in primis sollevando gli assicurati dall’adempimento di consegnare la copia cartacea dell’attestato all’intermediario.

Migliorerà inoltre l’efficacia della comunicazione fra impresa e cliente e verrà ridotto l’utilizzo della carta in ottica di beneficio ambientale.

Infine verrà arginato il rischio di frodi e si verificherà un notevole risparmio per le compagnie, che molti sperano si possa riversare sull’ulteriore abbassamento delle tariffe delle polizze auto.

→ Leggi il comunicato IVASS del 21 maggio 2015.

2 Comments
Leave a Reply

Ultimi articoli dal nostro blog

Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating application. Application has been deleted.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.

Avo Centro Assicurativo Broker è associato AIBA:

avo-centro-assicurativo-broker-iscritto-aiba